Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. Continuando la navigazione su questo sito, si acconsente all'uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser. Per maggiori informazioni andate nella pagina cookies policy del blog.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001. Le immagini delle copertine le trame dei libri e i video riprodotti sono di proprietà delle rispettive case editrici e degli autori. Alcune immagini sono state trovate su pagine web e per questo sono da considerare di pubblico dominio.


martedì 30 gennaio 2018

Uscita “A girl for two” di Evelyn Storm

🙂Buongiorno a tutti, il mio nuovo libro è uscito. Dopo quasi un anno dall’ultimo che avevo pubblicato. Un po’ tanto, lo so. Comunque ci ho messo tutto in questa storia. Spero che qualcuno possa acquistarlo e spero vi piaccia. Alla prossima. Ecco i dati.
Titolo: A girl for two
Autrice: Evelyn Storm
Genere: Romance Contemporaneo
Numero pagine: 204 secondo Amazon, 232 in A5
Prezzo ebook per dieci giorni: 0.99
Link: https://www.amazon.it/girl-two-Evelyn-Storm-ebook/dp/B079DXWNC2/ref=sr_1_4?ie=UTF8&qid=1517300453&sr=8-4&keywords=evelyn+storm
Sinossi: Pubblicitaria modello, Nicole Smith viene ingiustamente licenziata dopo un solo progetto sbagliato. Questo duro colpo la destabilizza, ma sa che deve resistere per tornare in pista.
La sua vita attuale e organizzata trascorre a Salt Lake City, ma non era previsto lʼincontro con Kayl Davis… che parte già male, anche per via delle relazioni fallimentari di lei che lʼhanno resa molto meno spavalda con gli uomini.
Così, tra un fraintendimento e lʼaltro, Nicole si allontana da lui per finire tra le braccia di Jake Moseley. Peccato che Kayl non si rassegni a perderla, essendo disposto a tutto pur di averla con sé. Ma Jake non è da meno.
Dal canto suo Nicole sa di essersi cacciata in una faccenda pericolosa, fatta di dubbi continui, situazioni dagli esiti imprevedibili, desideri fisici al limite dellʼerotismo e ansietà e cali dʼumore a mille.
Alla fine, complice una nuova occasione a New York, lei si trasferisce per scegliere in solitudine un solo uomo, consapevole che infrangerà invece le speranze dellʼaltro.
Ci riuscirà? E soprattutto, chi sarà il beneficiario dei suoi favori?

venerdì 26 gennaio 2018

Cover Reveal: “A girl for two” di Evelyn Storm

Tra 4 giorni esce il mio nuovo libro e un blog ne ha già parlato. Si tratta del blog “Libri e altri disastri”. Riporto qui la notizia. Ma sotto trovate anche il link.

Buon pomeriggio… ora vi presentiamo un nuovo libro, in arrivo a breve sugli store! Torna Evelyn Storm, con un Romance contemporaneo che promette scintille! Save the date: 30 Gennaio!
Link del blog: https://libriealtridisastri.blogspot.it/2018/01/cover-reveal-girl-for-two-di-evelyn.html
Sinossi
Pubblicitaria modello, Nicole Smith viene ingiustamente licenziata dopo un solo progetto sbagliato. Questo duro colpo la destabilizza, ma sa che deve resistere per tornare in pista.
La sua vita attuale e organizzata trascorre a Salt Lake City, ma non era previsto lʼincontro con Kayl Davis… che parte già male, anche per via delle relazioni fallimentari di lei che lʼhanno resa molto meno spavalda con gli uomini.
Così, tra un fraintendimento e lʼaltro, Nicole si allontana da lui per finire tra le braccia di Jake Moseley. Peccato che Kayl non si rassegni a perderla, essendo disposto a tutto pur di averla con sé. Ma Jake non è da meno.
Dal canto suo Nicole sa di essersi cacciata in una faccenda pericolosa, fatta di dubbi continui, situazioni dagli esiti imprevedibili, desideri fisici al limite dellʼerotismo e ansietà e cali dʼumore a mille.
Alla fine, complice una nuova occasione a New York, lei si trasferisce per scegliere in solitudine un solo uomo, consapevole che infrangerà invece le speranze dellʼaltro.
Ci riuscirà? E soprattutto, chi sarà il beneficiario dei suoi favori?

Intervista a Evelyn Storm sul sito “RecensioniLibri.org”

Ciao a tutti. Oggi vi parlo di una cosa che mi riguarda. Il 30 gennaio 2018 uscirà il mio nuovo libro. Intanto sono stata intervistata su quello prima: “Questione di gusti”.
Ecco il link dell’intervista, che riporto anche qua sotto: http://www.recensionilibri.org/2018/01/intervista-a-evelyn-storm-autrice-de-questione-di-gusti.html
Intervista a Evelyn Storm, autrice de “Questione di gusti”
Scritto Da redazione il 18 gennaio 2018

Evelyn Storm è una scrittrice versatile. Ha scritto poesie, fumetti, racconti, anche di gruppo, e romanzi. Le sue storie spaziano dal romance all’erotico, dal fantasy al thriller psicologico o, a seconda dell’interpretazione, nel romance suspense. Evelyn Storm è blogger. Ha collaborato con siti e riviste online, con blog letterari e case editrici.
Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca
“Questione di gusti” è l’ultimo romanzo che ho pubblicato: si tratta di un romance. Una storia estiva, fresca, solare, in cui i sentimenti della protagonista, Benedetta, sono messi a dura prova. Non solo è stata lasciata dal fidanzato storico per un uomo, ma una volta arrivata a Jesolo per riprendersi, è addirittura “bersagliata” dalla corte di tre fratelli. Chi sceglierà?
Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?
Fin da piccola mia madre mi raccontava delle storie e io ne restavo estasiata. Crescendo, ogni volta che andavo dai miei nonni, mi perdevo nei loro scaffali di libri, annusando i volumi. Finché un giorno ho desiderato di essere dall’altra parte, ossia di essere io l’autrice. Ho iniziato così a scrivere poesie e fumetti, racconti e romanzi. Ed è stata passione al massimo livello.
Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.
Ci ho messo qualche mese. Ho iniziato al mare, ad agosto, con il mio blocco degli appunti e la musica nelle cuffie. Intorno la gente correva in riva oppure rideva, camminava, faceva castelli di sabbia. Io pensavo al mio libro. Più di tutto ai personaggi, in parte ripresi dalla vita reale e in parte no. Ma sempre “vissuti” come veri, reali, esistenti. Con i loro sentimenti e la loro storia da dire.
Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.
Diciamo che mi piacciono tanti autori. Ma quando voglio essere particolarmente romantica, mi ispiro a William Shakespeare. Ho adorato e letto e riletto il suo “Romeo e Giulietta“. Nel mio libro non c’è così tanto romanticismo, il giusto per un romanzo moderno. Perché non solo viene descritta la storia di un incontro del destino, ma anche un racconto di famiglia, una vacanza, un ballo a Venezia.
Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?
Sceglierei… “Siamo uguali” di Lorenzo Fragola. Canzone che è proprio citata nel testo quando Benedetta e i suoi fratelli partono da Milano per raggiungere Jesolo. La canticchiano proprio;)
L’ho scelta perché piacevole, proprio carina, musicale e adatta al libro.
Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.
Scrivo per passione, perché la scrittura è vita. Se volete essere coinvolti dalle mie storie che sono sempre un misto di realtà e fantasia e lasciarvi accompagnare dai miei personaggi, venite su Amazon e digitate Evelyn Storm. Troverete i miei libri.

venerdì 22 dicembre 2017

#Saluti/libri/auguri

Ciao, cari visitatori abituali o di passaggio, oggi è tempo di #salutilibriauguri e #bilanci. Tutto quello che ho in mente anche per il blog, è da rimandare al nuovo anno, a questo punto. Voglio quindi salutarvi e augurarvi tanti auguri di Buone Feste. Mi prendo una pausa fino al 7 gennaio, perché nel 2018 conto di fare uscire un po’ di storie, perciò mi devo ricaricare per bene insieme ai miei cari. Vi lascio comunque una card con i miei libri che trovate su Amazon.Cliccateci sopra per vederli ingranditi.

Per quanto riguarda i bilanci, per certi versi il 2017 è andato bene, davvero, per altri un po’ meno. Abbiamo perduto la nostra gattina Ketty, mia madre ha perso la parte superiore dell’indice a causa di un incidente, nel senso che il dito c’è tutto, ma non lo muove nella parte alta, verso l’unghia. Ed è una condizione permanente. Poi il lavoro di mio marito… lasciamo stare. E lasciamo stare anche il mio. Non mi sono impegnata a produrre dopo febbraio 2017 e forse sono sparita per chi mi seguiva. Non parliamo di chi non mi ha mai letta. Così sono stata “superata” e resa quasi invisibile da chi è nuovo, da chi ha pubblicato tanto, da chi ha pubblicizzato tanto. Nemmeno quello sono riuscita a fare. Confido nel 2018 per portare avanti tutti i progetti per cui sto sudando. E se è vero che chi semina bene, raccoglie altrettanto, spero di raccogliere davvero le semine e le fatiche che farò prossimamente. Grazie, invece, a chi c’è ed è rimasto a seguirmi, nonostante tutto.

giovedì 14 dicembre 2017

La tana dei libri sconosciuti recensisce “Le note del destino” di Evelyn Storm

Ciao a tutti. Torno a pubblicare una recensione al mio libro. Questa volta si tratta di “Le note del destino”, a opera di “La tana dei libri sconosciuti”.
Titolo: Le note del destino
Autrice: Evelyn Storm
Genere: romantico
Caratteristiche: 197 pag. – formato digitale
Trama: Kyra e Tomas sono due ragazzi; rincorrono con successo il sogno di ballare e cantare. Si piacciono, si amano, vivono addirittura insieme! Cosa potrebbe frenare il loro idillio d’amore? Un piccolo particolare: sono fratellastri.  Fra mille contrasti da parte della famiglia e degli amici, nonostante le rivalità, riusciranno a godersi la loro relazione?
Scopritelo nella versione aggiornata e completa de “Le note del destino”, innamoratevi insieme a loro.
Link del libro: https://www.amazon.it/note-del-destino-Evelyn-Storm-ebook/dp/B00U7HGGDQ/ref=sr_1_5?ie=UTF8&qid=1513253395&sr=8-5&keywords=evelyn+storm
Link della recensione:
http://tanalibrisconosciuti.altervista.org/le-note-del-destino/
Recensione della Tana:
Le note del destino è un romanzo di Evelyn Storm che ho avuto il piacere di leggere in formato e-book. Ringrazio ancora l’autrice per avermelo passato, è stata una lettura davvero piacevole
In questo inizio di recensione, vorrei subito parlare di come abbia trovato il romanzo sia scorrevole che ben scritto dal punto di vista delle tematiche trattate. Queste molto delicate in alcune punti – come la crescita dei due personaggi e la scoperta di un amore da molti proibito e per questo reso ancora più difficile – sono affrontate in modo maturo e consono allo stile dell’autrice, di cui ho letto anche il precedente romanzo La voce del sentimento, che consiglio con gioia.
Nonostante le molte note di originalità del testo non sono riuscita a non farmi venire in mente in alcune parti i protagonisti del telefilm ‘I Cesaroni’. Non potete negare che alcune cose descritte nel libro, proprio a partire dall’amore visto all’inizio come tabù dalla stessa famiglia dei due fratelli acquisiti (e senza legami di sangue diretti) siano di rimando alla storia di amore tra Marco e Eva, anche se nel romanzo come è giusto che sia non ci sono riferimenti al telefilm o personaggi presi in prestito. Il collegamento è qualcosa che mi sono sentita di nominare perché, secondo la mia opinione, a chi è piaciuto il telefilm, soprattutto quell’aspetto dell’amore difficile da vivere, amerà questo romanzo di Evelyn Storm!
Oltre a questo, il romanzo è diretto a chi ha una grande passione, una di quelle che si cerca di portare a termine ad ogni costo. In questo caso sono danza e ballo, ma credo che quando Evelyn mi ha parlato delle grandi passioni che muovono coloro che davvero ci credono, il suo invito fosse aperto ad ogni sogno dei suoi lettori. Un’altra mia considerazione personale sui personaggi è che nella descrizione non sembrano avere l’età che l’autrice dà loro. Mi spiegherò ora meglio prendendo Thomas come esempio. Di lui, Evelyn, afferma essere diciasettenne e lo fa tramite delle informazioni come la scuola, la sua preparazione alla maturità, ma nel modo in cui si comporta, quel suo modo di pensare, me lo fa idealizzare in qualcuno di più grande. Come detto sopra questa è una nota soggettiva. Solo che a diciassette/diciotto anni i ragazzi non sembrano, per lo meno quelli che vedo io, mai così sicuri e presi dalle proprie decisioni. E’ anche vero che che fare di tutta l’erba che si ha un solo fascio è sbagliatissimo… perciò qui magari sbaglio io.
Continuando a parlare dei personaggi sono rimasta esterrefatta (non ho ancora capito se in senso buono xD) al mio incontro con i nomi Yoshie e Riku. Ammetto che all’inizio non avevo ben capito che fossero giapponesi, di conseguenza non capivo come nomi del genere potessero c’entrare senza la possibilità di una spiegazione insieme a tutti quei nomi italiani. Poi ho collegato, se Yoshie è giapponese e Riku è sua sorella, logico che lo è pure lei!
A volte quando Thomas e Kyra (i due protagonisti) si ritrovavano riuniti con gli amici di entrambi ho trovato difficile riuscire a seguire tutte le dinamiche e le varie conversazioni perché entravano in gioco davvero molti personaggi diversi tra loro e importanti quasi allo stesso modo per la comprensione totale delle vicende. A proposito di Thomas e Kyra, complimenti per la divisione in pov e per la scelta di comunicare al lettore ogni qualvolta si entrasse nella logica, nel punto di vista di uno dei due. La cosa che non mi è chiara, e forse Evelyn in un commento qui sotto potrà spiegare, è la decisione di riscrivere il nome dello stesso narratore anche due o tre volte di seguito. Difatti mi sarei aspettata di vedere il cambiamento di nome solo quando si cambiava il punto di vista e non anche quando narrava la stessa persona ma con scarto di tempo. Anche perché – l’autrice mi correggerà se sbaglio – in altri casi ha scritto in corsivo che so ‘di sera’ – ‘più tardi’ – ‘un’ora precisa’per indicare appunto lo scarto di tempo tra un momento e l’altro delle confidenze dei due protagonisti. Perciò il vedere in grande il nome di Thomas o Kyra, anche quando continuavano poi a parlare loro, mi ha fatto confusione…
Tornando a parlare della scorrevolezza del romanzo, come detto in principio, vorrei sottolineare il fatto che a parte queste accortezze di stile per cui ho dovuto frenare alcune volte la lettura, ho trovato delle sviste di battitura che vorrei qui segnalare non per infierire sull’autrice ma semplicemente perché credo che questo sia uno dei mie compiti di recensore. Se Evelyn vuole trasformare il suo e-book in un cartaceo, è giusto che le dica queste cose, naturalmente con tanto affetto e gli auguri migliori che le possa farle per le sue pubblicazioni.
Proprio all’inizio del romanzo, dove è Kyra che inizia parlare alla riga sei ho trovato un ‘… vuoto che…’  tutto attaccato ed essendo all’inizio della storia si nota molto e sempre in questa prima pagina ho scorto un ‘troviato’ al posto del corretto ‘trovato’. L’ultima cosa che ho da segnalarti è un ‘… se continua…’ scritto attaccato all’inizio della pagina ottantacinque (del mio ebook reader).
P.S. Il tutto è stato corretto già da tempo. Avendo rifatto la versione. 😛
Sono tutti accorgimenti che possono sfuggire, per questo cerco sempre di far leggere ciò che è mio e che poi pubblico a delle persone che poi mi dicono quello che noto. Ripeto: sono delle sottigliezze. La maggior parte dei lettori non le avrà nemmeno notate e non le segnalo all’autrice per essere pignola ma nella speranza di esserle utile con la mia recensione. Detto questo credo di aver detto tutto ciò che avevo in mente e che mi ero appuntata per il mio parlare di questo romanzo.
Le note del destino in poche parole: è stata una lettura piacevole e sono convinta che a chi è amante delle storie d’amore – non vi dico se il lieto fine è presente o no – questa storia prenderà davvero molto!

-Hanna M.

giovedì 30 novembre 2017

La recensione de “La tana dei libri sconosciuti” al mio libro “Evanescent Appearances”

Buon pomeriggio. Oggi posto la recensione che “La tana dei libri sconosciuti” ha fatto sul mio libro “Evanescent Appearances”.

Quanto segue è stato scritto da Hanna, de “La tana dei libri sconosciuti”:
La copertina, il primo contatto che si ha con un qualsiasi romanzo, in questo caso mi ha folgorato! Il primo piano di una ragazza, evanescente, ferita e con metà della bocca colorata di rosso – a mio avviso dettato più dà del sangue che da un rossetto – ha attirato la mia attenzione su ciò che potesse esserle successo. Inoltre, il sentore che lei facesse parte di un passato da scoprire, ovviamente tramite le parole dell’autrice, non mi ha mai abbandonato. Non lo ha fatto nemmeno quando, studiando la copertina, ho notato un ragazzo alla sua sinistra, di figura più piccola rispetto a lei (come se fosse in lontananza) e una grande casa, sempre alle sue spalle […]
Lo avete letto? O acquistato? Cosa ne pensate?
Seguite il link per scoprire che cosa penso dell’intero romanzo ^-^
http://tanalibrisconosciuti.altervista.org/recensione-evanescent-appearances-evelyn-storm/
Ecco comunque i dati del libro e la recensione anche qui.
Titolo: Evanescent Appearances
Autore: Evelyn Storm
Genere: Paranormal Young Adult
Caratteristiche: cartaceo – digitale – 164 pp.
Trama: La mente razionale di Brandon, giovane studente inglese, è messa a dura prova da una inaccettabile realtà: gli spiriti lo cercano. Così, lʼequilibrio della sua vita tranquilla sembra ormai lontano, perché costretto a confrontarsi con chi non appartiene più al mondo dei vivi. Ben presto il suo approccio allʼimmaginario si trasforma in un vero salto nel vuoto, perché chiamato da quelle stesse entità a scoprire segreti intessuti di mistero. In tutto questo lʼunica che è in grado di arrivare al suo cuore è una bellissima ragazza evanescente, con la quale instaura un rapporto particolare.
É chiaro a tutti, però, che il loro destino non prevede che possano stare assieme, perché anche solo toccarsi è un tentativo inutile e disperato. Riuscirà Brandon a capire cosʼè accaduto a quei fantasmi con i soli indizi in suo possesso?
Recensione Tanosa:
Se spulciate tra i romanzi già letti (nella Tana) e poi recensiti, scoprirete che questo non è il primo romanzo dell’autrice Evelyn Storm che conosco e di cui vi ho parlato con vero piacere.
E, se nelle altre recensioni, mi capitava di dire che la storia dei protagonisti fosse troppo ‘rosa’ (mio personalissimo parere, lei lo sa), qui ci si avvicina molto di più a quello che è il mio genere preferito e, dunque, che emozione essere arrivata fino alla fine della storia!
Andiamo per ordine o non riuscirò a dire tutto ciò che mi sono segnata da condividere con voi.
La copertina, il primo contatto che si ha con un qualsiasi romanzo, in questo caso mi ha folgorato! Il primo piano di una ragazza, evanescente, ferita e con metà della bocca colorata di rosso – a mio avviso dettato più dà del sangue che da un rossetto – ha attirato la mia attenzione su ciò che potesse esserle successo. Inoltre, il sentore che lei facesse parte di un passato da scoprire, ovviamente tramite le parole dell’autrice, non mi ha mai abbandonato. Non lo ha fatto nemmeno quando, studiando la copertina, ho notato un ragazzo alla sua sinistra, di figura più piccola rispetto a lei (come se fosse in lontananza) e una grande casa, sempre alle sue spalle.
Incuriosita da tutti questi elementi, sono andata a leggere la trama: ho scoperto così che il protagonista, Brandon, si troverò davanti a una dura realtà, accettare che degli spiriti lo stanno cercando e tentano in ogni modo di mettersi in contatto con lui. Che cosa vorranno e, soprattutto, saranno violenti, in cerca di grane nei suoi confronti o solo smarriti?
A tutto questo si unisce una conoscenza, sempre più profonda, della famiglia e degli amici di Brandon. Non mancheranno, infatti, litigi, storie d’amore non subito accettate, lavori rifiutati per inseguire un proprio sogno, ma il fulcro di tutto sarà la quotidianità di Brandon interrotta da fantasmi di ragazze, fantasmi di gatti e di miagolii sospetti.
La forza dell’autrice in questa storia è stata, almeno secondo il mio parere, quello di avere la capacità di intrattenere il lettore e farlo riflettere e creare teorie su chi fosse quell’evanescente ragazza, che cosa il gatto cercasse di comunicargli e cosa tutto questo c’entrasse con lui, la sua famiglia e soprattutto la sua casa.
Brandon, con coraggio e un cuore sempre più infatuato, dovrà decidere di chi fidarsi, cos’è vero e cosa no: interpretare sussurri, azioni appena velate e i propri sentimenti. Cosa non da poco considerando la sua giovane età i colpi di scena sempre in agguato.

Il passato tornerà ad essere presente…

E voi, siete pronti ad affrontare la verità?

mercoledì 8 novembre 2017

“La tana dei libri sconosciuti” ha recensito un mio romanzo

“La tana dei libri sconosciuti” ha recensito un mio romanzo
Buongiorno. A parte il fatto che non vedo l’ora di rivoluzionare ancora questo blog, datemi tempo e sarà fatto, oggi vi parlo di qualcosa che mi riguarda. “La tana dei libri sconosciuti” ha recensito uno dei miei romanzi. Volete sapere quale e cosa hanno detto? Vi accontento.

Titolo: La voce del sentimento
Autore: Evelyn Storm
Genere: Romantico
Caratteristiche: 274 pagine – formato kindle
Link Amazon: https://www.amazon.it/voce-del-sentimento-Evelyn-Storm-ebook/dp/B00US77VQQ/ref=sr_1_7?ie=UTF8&qid=1510139027&sr=8-7&keywords=evelyn+storm
Link recensione: http://tanalibrisconosciuti.altervista.org/la-voce-del-sentimento-evelyn-storm/
Trama: Quattro avventure in un unico romanzo. Quattro coppie seducenti e diverse tra loro, Veronica e Roberto, Daralis e Ronan, Petra e Josh, Cindy e Dylan, ma accomunate da un unico filo conduttore: la promessa di un amore “eterno”. Quattro storie con un argomento specifico, che spazia dalla vita vera al fantasy, dallʼombra alla luce, dal sentimento alla passione, dallʼItalia allʼestero.
Un grande amore spazzato via in un attimo. Un lutto sconvolgente che segna e che rischia di compromettere il futuro. Lʼossessione per un ragazzo che non cʼè più ma che ha saputo imprigionarle anche lʼanima, finché un incontro mandato dal destino aprirà uno spiraglio per la salvezza in “Ricominciare”.
Un conto aperto con il passato che non dà pace. Una memorabile avventura contro le tenebre di un nemico comune. Una dipendenza che pian piano scoppia e non abbandona in “Patto di sangue”.
Una famiglia difficile che ostacola quando il sogno di ballare non può essere sacrificato. Un viaggio che cambia tutto con i sentimenti che rivoluzionano le regole auto-imposte e non in “Destini incrociati”.
Lʼinsicurezza di vivere con coraggio unʼesistenza che non ha preso la piega voluta. La forza di un incontro che sarà lʼunica salvezza ai crucci che perseguitano in “Amore, desiderio e…ghiaccio”.
Recensione della Tana:
Molto spesso l’amore viene visto o in bianco o in nero, sembra perdere i propri coloro nel vento. Ma c’è chi crede che anche altre tonalità possano interessare il cuore che batte. Non posso sapere, voi che leggerete questa recensione, da che parte state di questa considerazione. Ma credo di poter intuire dove si colloca il pensiero di Evelyn Storm. Mi chiederete come posso saperlo! Evelyn è la scrittrice di ‘La voce del sentimento’, un romanzo trattante di quattro storie d’amore accomunate dalla promessa di un amore eterno. Un amore che può essere raggiungibile anche se sul suo cammino incontra molti ostacoli e burroni.
Forse sarebbe bello se nella vita reale fosse davvero così, e Evelyn permette alle più romantiche di sognare un lieto fine, qualcosa che non è mai scontato e a volte non abbastanza cercato. Non è importante il luogo dove l’amore nasce e si sviluppa, che sia vita reale, mondo fantasy, in Italia o all’estero, il cuore se decide di battere non lo ferma nessuno…
Il romanzo si divide, dunque, in quattro parti in cui, la prima, ‘Ricominciare’ è ambientata nella vita reale. Naturalmente nel parlare della storia ideata da Evelyn, nominerò il necessario per scrivere la recensione, cercando di non cadere negli spoiler. Per prima cosa è giusto che sappiate che dopo ‘Ricominciare’ si susseguono in ordine ‘Patto di sangue’ – fantasy – ‘Destini incrociati’ e ‘Amore, desiderio e… ghiaccio’.
Spero di avervi, anche con i semplici titoli, incuriositi un po’
Parlando di tecnicismi, ora mi concentrerò sullo stile, la grammatica e la caratterizzazione dei personaggi che Evelyn ha potuto mostrare di sé tramite il romanzo. Lo stile è risultato essere molto scorrevole. Nonostante i vari avvenimenti e i cambi di personaggi e ambientazioni, si scorge come la storia sia stata scritta dalla stessa persona. Questo può sembrare scontato, ma delle volte chi non ha ancora sviluppato un proprio stile, può non mantenere lo stesso andamento per tutta la durata della storia. Essendo la grammatica molto buona e curata, inoltre, si arriva ogni volta alla fine dei capitoli senza aver scorto sviste e/o errori.
I personaggi che Evelyn ha creato per ‘La voce del Sentimento’ sono molteplici e credo lei sia riuscita nell’intento di dare ad ognuno di essi qualcosa di differente dal precedente o dal successivo. Non si tratta solo di conoscere una storia d’amore, un uomo e una donna che scelgono di stare insieme per sempre (possibilmente verso il vissero felici e contenti) ma di vedere il loro agire incrinare chi gli sta accanto e il comprendere come il non essere soli al mondo potrebbe creare dei problemi. Non essere soli non per la presenza di altri umani, già difficile si per sé, ma anche per l’essere braccati da creature sovrannaturali non rende certo facile il fiorire di un amore.
Ho provato a pensare se, nel leggere, avessi trovato un capitolo rimastomi nel cuore più di un altro. Credo che non sia successo perché ogni storia ha qualcosa da insegnare a noi lettori.  Anche se la prima di tutte, la storia di Roberto mi ha lasciato l’amaro in bocca. Andandola a leggere scoprirete come va a finire un grande amore, perciò cercherò di dire del mio amaro senza spoilerare troppo. Ho visto il continuare di un amore in un modo un po’ forzato, la perdita è sempre qualcosa che fa male, che non si perdona nemmeno alla persona che perde la vita, ma il far entrare nella nostra vita una persona così simile, forse troppo, a chi si è perso, sinceramente, mi farebbe paura, rendendo anche quel sentimento strano e forse sbagliato. Mi chiedo come sia possibile che questo ragazzo, addirittura con lo stesso nome, possa esistere già prima che l’originale Roberto se ne andasse? Non riesco a comprendere questo… Sono anche convinta che potrebbe essere un mio problema, non sono una lettrice accanita di storie d’amore perciò, forse, può sfuggirmi il nesso. E’ anche vero che al mondo esistono ben sette sosia di ogni persona con caratteristiche fisiche e caratteriali simili… magari ci si stava riferendo a quello… mia fonte google l’illuminante xD
In conclusione, credo di aver terminato ciò che volevo dire del romanzo. Lo consiglio a chi ama farsi emozionare fin nel profondo da una vera, anzi da quattro vere e spontanee storie d’amore. A chi non ha paura di lasciar trasparire le proprie emozioni. A chi ama l’amore.
-Hanna M.